Accadde oggi in Europa

Home » Accadde oggi in Europa

 

4 febbraio 1459: Ferdinando d’Aragona viene incoronato nella cattedrale di Barletta sovrano del Regno di Napoli

Ferdinando I di Napoli, conosciuto come Ferrante I e detto anche Don Ferrando e Don Ferrante (Valencia, 2 giugno 1424 – Napoli, 25 gennaio 1494), era l’unico figlio maschio, illegittimo, di Alfonso I di Napoli, sovrano di Napoli dal 1458 al 1494. La madre, Gueraldona Carlino, era una donna probabilmente di origine napoletana che nel dicembre del 1423 aveva accompagnato Alfonso al suo ritorno in Spagna, dove poi sposò un tale Gaspar Reverdit di Barcellona.  Succedette sul trono paterno nel 1458, all’età di 35 anni; ma papa Callisto III Borgia, mal disposto nei suoi confronti, con bolla del 12 luglio dichiarò vacante il trono di Napoli non riconoscendo la successione di Ferdinando perché, a suo dire, egli non era figlio né legittimo né naturale di Alfonso V d’Aragona, ma figlio di un servitore moro. Il Pontefice morì nell’agosto del 1458 e il suo successore, papa Pio II, invece, riconobbe come legittimo sovrano Ferdinando, il quale fu incoronato solennemente nella cattedrale di Barletta. Il suo regno fu assai attivo fra battaglie con gli Angioini e i baroni ribelli, che sconfisse, procurando al Regno vent’anni di pace interna, rinforzando così lo Stato e l’economia del territorio a lui soggetto.

 

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Stampa
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su