Il giro della settimana (13 gennaio)

Home » Il giro della settimana (13 gennaio)

 

Non ci sono più parole…

 

Chiesaepostconcilio

Nell’immagine a lato il logo per la prossima visita di Bergoglio in Marocco, dal 30 al 31 marzo prossimi. Vi è rappresentata una croce stilizzata formata da due grosse sciabole islamiche all’interno di una mezza luna rossa: evidenti simboli di sottomissione all’Islam e delle malsane aperture di cui Bergoglio si fa portatore, portando dritti al blasfemo progetto di sottomissione per abituarci all’unica Religione Mondiale, che lui e altre forze oscure stanno pericolosamente mettendo in atto… – continua a leggere

 

——————————————————————

 

Osi, Monsignore! Un appello della Fondazione Lepanto

Roberto de Mattei

L’appello diffuso il 5 gennaio 2019 dalla Fondazione Lepanto con il titolo “Osi Monsignore”, ha avuto ampie ripercussioni in tutto il mondo. Il manifesto è stato pubblicato in italiano, inglese, spagnolo, francese, tedesco, portoghese e slovacco, su numerosi siti tra i quali Stilium Curiae, Cooperatores Veritatis e Il Nuovo Arengario (Italia), Life Site News (Canada), Rorate Coeli e Family Catholic News (USA), Adelantelafe (Spagna), Katholisches (Germania), La Porte Latine e Media-Info (Francia). Molti altri siti e pubblicazioni lo hanno pubblicato parzialmente. Il sito canadese LifeSiteNews ha inoltre lanciato una raccolta di firme in supporto all’appello della Fondazione Lepanto incoraggiando i firmatari a contattare i loro Vescovi per spronarli ad una reazione. Clicca qui per firmare la petizione. –  continua a leggere

 

————————————————————————

 

Frontex certifica: “Salvini ha fatto crollare numero clandestini in Europa”

 

Voxnews

Nel 2018 circa 150.000 clandestini sono entrati illegalmente negli Stati dell’Unione Europea. Si tratta della cifra più bassa degli ultimi 5 anni: tutto grazie a Salvini.Lo conferma Frontex, l’agenzia europea per la gestione delle frontiere. – continua a leggere

 

—————————————————————————

 

Meluzzi aveva previsto gli omicidi di Pamela e Desirée: “In certe culture…”

Voxnews

Il 29 gennaio dello scorso anno, veniva barbaramente uccisa e fatta a pezzi la piccola Pamela Mastropietro. Da uno o più profughi nigeriani con la protezione umanitaria. Un uomo aveva previsto tutto. Lo psichiatra Meluzzi: perché solo uno psichiatra può comprendere la schizofrenia in cui versa la società multietnica.  Lo fece in un’intervista del 4 gennaio, sulla vicenda dell’immigrato somalo che travestito da infermiere tentò di stuprare una partoriente nella sala parto dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma. – continua a leggere

 

———————————————————————————

 

Salvini non andrà a Sanremo: “Baglioni deve evitare i comizi”

Luca Romano

Il vicepremier dopo le polemiche di questi giorni per le dichiarazioni del direttore atistico sulla politica messa in campo dal governo sull’emergenza immigrazione, spiega la sua posizione: “A me piace Baglinoi. Mio figlio mi dice che ascolto musica vecchia: Battisti, de André, Vasco, Baglioni. Mi piace quando cantano, poi ogni cantante ha diritto di pensarla come vuole. ;a siccome è pagato dai cittadini italiani, da una rete pubblica per una iniziativa pubblica se evita di usare il miscrofono e il palco di Sanrtemo pèer fare comizi gli italiani gliene saranno grati”. – continua a leggere

 

——————————————————————————-

 

Sanremo, canzone che parla “male” dei migranti esclusa

Voxnews

L’accusa dai New Trolls, che hanno sollevato il caso della loro canzone esclusa da Sanremo senza alcuna spiegazione: “Scartati senza neanche una parola da parte di Baglioni. Ho portato il brano ‘Porte aperte’ alla commissione selezionatrice a Roma, lo hanno ascoltato e commentato positivamente, hanno detto che entro settembre-ottobre avrebbero fatto sapere. Nessuno ha chiamato, mai, ne ci è stato spiegato il perchè dell’esclusione – racconta Gianni Belleno – Solo quando sono stati resi noti i nomi dei partecipanti a questa edizione di Sanremo abbiamo capito di non essere stati selezionati. continua a leggere
.
.
——————————————————————————
.
.
I pericoli della Mafia nigeriana in Italia

Vincenzo Musacchio

La mafia nigeriana ha preso piede nel sud dell’Italia a fianco della mafia siciliana, con la quale ha collaborato in posizione di subordinazione. Sapevamo che i clan nigeriani gestivano autonomamente la prostituzione e il cd. caporalato delle donne albanesi e rumene che lavorano nei campi di pomodori per un euro il giorno. Non conoscevamo approfonditamente come dal mercato della prostituzione si sono spostati a quello della droga e del traffico di esseri umani, sotto il controllo di Cosa Nostra e della Camorra. – continua a leggere

 

———————————————————————-

 

Gender e bullismo

David Botti

Il bullismo è un grimaldello per introdurre il gender nelle scuole: questa tesi è già stata sostenuta e documentata su queste pagine (1). Tuttavia, nei giorni scorsi, è emerso un dato clamoroso relativamente al cyberbullismo (il bullismo fatto attraverso internet): in tutto il 2018, in Emilia-Romagna, i casi accertati dal Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni per l’Emilia-Romagna sono stati due. Sì, avete letto bene: 2 (due).Nel precedente anno 2017, peraltro, erano stati 33 in tutta la Regione (2). –  continua a leggere

 

——————————————————————————–

 

 

Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su