Greta, Mattarella e la bufala della crisi climatica

Franco Battaglia

Secondo il Presidente della nostra Repubblica saremmo «sull’orlo di una crisi climatica». Mi verrebbe da dire che Sergio Mattarella sia sull’orlo d’una crisi di nervi. E mi viene spontaneo chiedermi da dove l’amato presidente s’è inventato l’allarme. Non certo dai propri studi scientifici, visto che di formazione è giurista. La voce più vicina nel tempo che gli ha scosso il sistema nervoso deve allora essere stata Greta, la quindicenne svedese in sciopero dalla scuola ogni venerdì «contro l’ingiustizia climatica» (sic!). – continua a leggere

———————————————————————

Fraternità San Pio X – Benvenuti nel nuovo sito del Distretto d’Italia

Rinnovato al meglio il sito web del Distretto italiano della FSSPX – continua a leggere

——————————————————————–

Papa Francesco e il gruppo LGBT+Catholics Westmister Pastoral Council: un’occasione persa

Lupo Glori

Papa Francesco sciupa un’altra occasione per fare chiarezza e prendere le distanze da coloro che cercano di conciliare Chiesa cattolica ed omosessualismo. Si sa, le immagini valgono più di tante parole e, questo, sembra infatti essere il chiaro messaggio che comunicano le immagini raffiguranti il Papa sorridente, in posa davanti al Vaticano, con la rappresentanza del gruppo LGBT+ Catholics Westminster Pastoral Council, in pellegrinaggio a Roma dal 6 al 10 marzo. – continua a leggere

————————————————————————–

Chi e perché oggi è infastidito dalla Santa Casa di Loreto

Mauro Faverzani

Può la Madonna peccare? Secondo la bolla dogmatica Ineffabilis Deus di Pio IX, datata 8 dicembre 1854, assolutamente no: «Dichiariamo, affermiamo e definiamo rivelata da Dio la dottrina che sostiene che la beatissima Vergine Maria fu preservata, per particolare grazia e privilegio di Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo Salvatore del genere umano, immune da ogni macchia di peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certo ed immutabile per tutti i fedeli. Se qualcuno dunque avrà la presunzione di pensare diversamente da quanto è stato da Noi definito (Dio non voglia!), sappia con certezza di aver pronunciato la propria condanna, di aver subito il naufragio nella fede, di essersi separato dall’unità della Chiesa e, se avrà osato rendere pubblico, a parole o per iscritto o in qualunque altro modo, ciò che pensa, sappia di essere incorso, ipso facto, nelle pene comminate dal Diritto».  continua a leggere

————————————————————————————

“Noi siamo migliori degli altri”. Mafia Capitale, la deposizione di Zingaretti

Imola Oggi

Cominciamo con questa dimostrazione: la deposizione durante il processo di Mafia Capitale. – continua a leggere

———————————————————————————

Ipovedente minaccia sul bus: «Quel cane deve scendere o lo butto giù»

Corriere della Sera

TORINO – Minacciata su un pullman della linea Giaveno-Torino di Gtt perché accompagnata dal suo cane-guida. È successo martedì pomeriggio. «Appena salita, a Bruino, un uomo ha cominciato a sbraitare: “Questo cane sul pullman non deve stare, fatelo scendere. Lo butto giù. Ora mi sto innervosendo, perché io ho il sangue rosso arabo», racconta ancora scossa Loretta Rossi, 65 anni, ipovedente dalla nascita e attivista dell’Apri, l’Associazione pro retinopatici e ipovedenti. – continua a leggere

————————————————————————————

Italiano sgozzato a Torino, perizia su nigeriano “paranoie aggravate dall’essere profugo”

Imola Oggi

Khalid De Greata, 27 anni, migrante nigeriano, sarebbe seminfermo di mente e il suo disturbo paranoide di base sarebbe stato amplificato dalle vicissitudini legate al suo vissuto di profugo.

Come scrive la Repubblica, sono queste le conclusioni della seconda perizia psichiatrica effettuata sul giovane che il 15 ottobre 2017 ha ucciso Maurizio Gugliotta, 51 anni, di Settimo Torinese, accoltellato senza motivo apparente mentre faceva un giro al mercato di libero scambio del Barattolo assieme a un amico, rimasto ferito. – continua a leggere

———————————————————————————

Nigeria: decine di cristiani uccisi da musulmani Fulani

Imola Oggi

Una nuova violenza è scoppiata Kaduna, a fine febbraio, quando i mandriani Fulani (namadi musulmani) hanno attaccato la comunità di Maro nell’area del governo locale di Kajuru, uccidendo 16 residenti. L’attacco  da parte dei mandriani armati è avvenuto intorno alle 4:00 di notte, quando hanno invaso il villaggio Karamar, hanno incendiato le case ed hanno sparato ai residenti mentre tentavano di fuggire. – continua a leggere

—————————————————————————

Nigeria, una grande manifestazione per protestare contro la strage dei cristiani

Tempi

La Conferenza episcopale ha organizzato una marcia il 22 maggio a Makurdi, sede della diocesi dove ad aprile una chiesa è stata attaccata dai Fulani che vogliono «islamizzare la regione».

Una grande manifestazione per protestare contro la strage dei cristiani in Nigeria. È quella che si terrà il 22 maggio a Makurdi, capitale dello Stato del Benue, come annunciato dalla Conferenza episcopale locale. I vescovi hanno anche chiesto di «organizzare marce pacifiche o processioni religiose in tutte le diocesi». La località non è stata scelta a caso. È nella diocesi di Makurdi che il 24 aprile scorso è stata attaccata una chiesa nel villaggio di Mbalom. L’attacco, condotto da pastori islamisti di etnia Fulani, ha causato la morte di 17 fedeli e due sacerdoti, padre Joseph Gor e padre Felix Tyolaha. I due presuli saranno sepolti in occasione della manifestazione. – continua a leggere

—————————————————————————

Espulsioni, Salvini accelera: sono quattro volte gli arrivi

A chi lo contesta in piazza, Matteo Salvini è solito rispondere per le rime. “Chiedo di andare a controllare i nomi di quella trentina di militanti di sinistra”, ha scherzato ieri durante un comizio a Potenza, dopo che un gruppetto di esagitati gli aveva urlato contro. “Sicuramente saranno disposti ad accogliere i migranti a casa loro… – ha continuato – non limito la generosità di nessuno. Cari compagni, pagate voi, non gli altri”. Da quando è arrivato al Viminale, soo stati sempre questi i suoi obiettivi principali: far rispettare le leggi e tagliare più fondi possibili al business dell’accoglienza che attirava orde di clandestini verso le coste italiane. – continua a leggere

———————————————————————————-

La figlia di Heather Parisi: “Sono contraria alle famiglie gay”

Sandra Rondini

Proprio lei che è un”icona gay amatissima dalla comunità Lgbtq per le sue posizioni a favore di matrimoni e adozioni da parte di coppie omosessuali, è al centro di una polemica scatenata dalla figlia 18enne Jaqueline Luna Di Giacomo. Stiamo parlando di Heather Parisi che da sempre è un”attivista dei diritti dei gay e si espone spesso in prima persona in ogni dibattito, difendendo a spada tratta e con grande passione questa sua decisa posizione perché sono tantissimi gli amici gay che ha avuto modo di conoscere, amare e frequentare nel corso della sua lunga carriera e nella sua vita privata, fin quando muoveva i sui primi passi nel mondo dello spettacolo, prima negli Stati Uniti e poi in Italia dove, 18enne, venuta in vacanza, fu notata dal coreografo Franco Miseria e il resto è storia. continua a leggere

———————————————————————————–

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Stampa
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *