Accadde oggi in Europa

Home » Accadde oggi in Europa

 

5 febbraio 251: Sant’Agata muore martirizzata a Catania per non abiurare la sua fede

Sant’Agata (San Giovanni Galermo, 8 settembre 229 / 235 – Catania, 5 febbraio 251) fu una giovane vissuta nel III secolo, durante il proconsolato di Quinziano. Dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa viene venerata come santa, vergine e martire. Il suo nome compare nel Martirologio da tempi antichissimi. È patrona di Catania, di Gallipoli, della Diocesi di Nardò-Gallipoli, della Repubblica di San Marino e Malta. Dopo la Vergine Maria, è una delle sette vergini e martiri ricordate nel canone della Messa. La festa in suo onore che ogni anno viene organizzata nella città di Catania è la terza festa religiosa più importante al mondo.

Agata è stata una delle martiri più venerate dell’antichità cristiana, fu messa a morte durante la persecuzione di Decio (249-251) a Catania, per non avere mai tradito la professione della sua Fede. La sua biografia menziona interrogatori, torture, una resistenza perseverante e la vittoria di una fede incrollabile, che nell’insieme sono uno dei primi esempi in assoluto della letteratura agiografica nel corso della storia della Chiesa. Il primo scritto pervenuto su di lei è una Passio risalente all’anno 1000, conservata alla Bibliothèque nationale de France, probabilmente realizzata ad Autun.

Nel periodo fra la fine del 250 e l’inizio del 251 il proconsole Quinziano, giunto alla sede di Catania anche con l’intento di far rispettare l’editto dell’imperatore Decio, che chiedeva a tutti i cristiani di abiurare pubblicamente la loro fede, mise in atto una feroce persecuzione. La tradizione riferisce che Agata fuggì con la famiglia a Palermo, alla Guilla, ma Quinziano li scovò e li fece tornare a Catania. Il punto che la giovane catanese attraversò per uscire da Palermo e tornare alla sua patria, oggi è detto Porta Sant’Agata. Quando la vide di presenza, Quinziano s’invaghì della giovinetta e, saputo della consacrazione, le ordinò, senza successo, di ripudiare la sua fede e adorare gli dèi pagani. La persecuzione era tragica a quel tempo:papa Fabiano era morto, ucciso, da più di un anno; la sede era vacante e il successore Cornelio venne eletto 14 mesi dopo il suo martirio.

Al rifiuto deciso di Agata di concedersi, il proconsole l’affidò per un mese alla custodia rieducativa della cortigiana Afrodisia e delle sue corrotte figlie allo scopo della corruzione morale di Agata, arrivando a tentare di trascinare la giovane catanese nei ritrovi dionisiaci. Tuttavia Agata uscì da quella lotta vittoriosa e più forte di prima, tanto da scoraggiare le sue stesse tentatrici, le quali rinunciarono all’impegno assunto, riconsegnando Agata a Quinziano, il quale diede avvio a un processo, convocando la giovane al palazzo pretorio. La tradizione ha tramandato i dialoghi tra il proconsole e la santa,|da cui si rileva come ella fosse edotta in dialettica e retorica.
Dakl processo al carcere alle torture e sevizie: fustigata e sottoposta al violento strappo dei seni, mediante delle tenaglie. Quella notte venne visitata da San Pietro, che la rassicurò portandole conforto e ne risanò miracolosamente le ferite. Infine venne sottoposta al supplizio dei carboni ardenti. La notte seguente all’ultima violenza, il 5 febbraio 251, Agata spirò nella sua cella.
.
.
Manoscritto miniato del martirio di Sant’Agata nel Códex Bodmer 127, ca. 1170/1200
.
.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Stampa
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su