Bergoglio commissaria Lourdes: “Santuario gestito come azienda”

Giuseppe Aloisi

Papa Francesco, per combattere l’aziendalismo diffuso, ha deciso d’inviare un delegato speciale nel santuario di Lourdes: curerà le anime, ma forse è stato scelto pure per bilanciare l’azione del vescovo tradizionalista – continua a leggere

————————————————————————–

“Pride blasfemi”: i cattolici fanno le messe di riparazione

Matteo Orlando

Mentre sabato 8 giugno erano in corso i Pride 2019 in diverse città (Roma, a 25 anni dalla prima manifestazione dell’”orgoglio gay”, TriesteAnconaMessina e Pavia) i cattolici che non si sono piegati all’agenda gay mondiale hanno pregato (e lo faranno anche nei prossimi giorni) per “riparare lo scandalo pubblico”, che i Pride sono accusati di creare, a “danno dell’Ordine naturale”. – continua a leggere

———————————————————————-

Il gay pride: vergogna di una nazione

L’ 8 Giugno si è svolto a Roma il Gay Pride, in contemporanea con altre città: Pavia, Trieste e Messina. Quest’anno è stato il 25° Pride da quando Arcigay ha lanciato il primo nel 1994 ed anche il 50° dal primo di New York del 1968. In testa lo striscione del circolo di cultura omosessuale Mario Mieli con la scritta “la nostra storia le nostre lotte”. – continua a leggere

——————————————————————————

Papa Francesco filosofo dell’inclusione

Roberto de Mattei

Il 2 giugno, in Italia, la tradizionale parata militare per celebrare la festa della Repubblica è avvenuta nel segno dell’“inclusione”. «Il tema della inclusività, che ha caratterizzato la manifestazione, bene rappresenta i valori scolpiti nella nostra Carta costituzionale, che sancisce che nessun cittadino può sentirsi abbandonato, bensì deve essere garantito nell’effettivo esercizio dei suoi diritti», ha dichiarato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. – continua a leggere

————————————————————————–

L’islamizzazione dell’Europa passa dalla scuola

Mauro Faverzani

Come volevasi dimostrare. Esperimento fallito. Inserire corsi di arabo nella scuola pubblica francese, per occidentalizzare l’islam ha prodotto l’effetto esattamente contrario ovvero sta islamizzando l’Occidente.

L’ultima riforma scolastica d’Oltralpe, che pretendeva di arginare così la radicalizzazione negli allievi “a rischio”, ingenuamente non ha tenuto conto di diversi fattori: – continua a leggere

—————————————————————————-

Islam, l’imam integralista baciato da Bergoglio: “sì, si può picchiare la moglie”

Imola Oggi

L’uomo, che il Corano riconosce come guida e protettore della donna, è autorizzato a picchiare la moglie che si sia mostrata disobbediente? Un dibattito infuocato si è scatenato in Egitto, dopo che il grande Sheikh dell’università di Al Azhar del Cairo, l’Imam Ahmad al Tayeb, ha dato una risposta positiva al quesito in una trasmissione televisiva durante il mese di Ramadan. Ma per fare poi marcia indietro di fronte alle reazioni negative. – continua a leggere

————————————————————————-

“Pregano troppo”. Il Vaticano chiude un altro ordine

Chiesa e post Concilio

L’opera di distruzione della vita religiosa da parte del Vaticano continua implacabile. Questa volta è il turno delle Piccole Suore di Maria Madre del Redentore, un ordine religioso nato in Francia, e che conta attualmente circa centoventi religiose; di cui cinque hanno deciso di obbedire al diktat di Roma, e le altre centoquindici, divise in tre comunità, verranno sollevate dai voti presi a suo tempo, e torneranno laiche, dovendo lasciare le loro case e le attività di cura e di assistenza agli anziani che erano la caratteristica di questa congregazione. Accusata però, soprattutto, di una spiritualità considerata troppo “tradizionale”. continua a leggere

————————————————————————–

Papa Francesco, la lezione di don Giuseppe Dorma: “Perché benedico il tabaccaio che ha ucciso il ladro”

Gianluca Veneziani

Menomale che ci sono preti come don Beppe Dorma, menomale che il cristianesimo riesce a resistere nelle periferie tanto evocate da Bergoglio ma in realtà tanto dimenticate a vantaggio della Curia e dei suoi proclami. Proprio là, nei paesi di provincia, dove il parroco è ancora una delle figure più rappresentative della comunità, sopravvive un cattolicesimo autentico che ascolta i bisogni della gente ed è capace di dire cose di buon senso lontane dal buonismo. continua a leggere

———————————————————————-

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Stampa
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *