Cosa votare alle prossime elezioni europee ed amministrative?

Home » Cosa votare alle prossime elezioni europee ed amministrative?

 

L’avvocato Ascanio Ruschi, leader della Tradizione cattolica in Toscana, mi ha scritto una lettera riguardo al voto di maggio, che mi permette di ragionare sulle prossime elezioni europee ed amministrative.

«Caro Pucci,

dopo la nostra ultima chiacchierata dell’altro giorno, ho a lungo riflettuto sulla situazione politica italiana, ed in particolare sul ruolo dei partiti di “destra” (se ancora si puo’ usare questa espressione) nell’attuale contesto politico. Mi riferisco al ruolo svolto, in primis, dalla Lega e poi da Fratelli d’Italia (perché di altre formazioni mi pare irrilevante parlare).

Purtroppo debbo constatare per l’ennesima volta che, almeno in Italia, aspirare a un movimento politico saldamente ispirato ai valori cattolici e alla Tradizione sia di difficile realizzazione. Con conseguente gaudio delle sinistre e, specialmente, dei radicalisti forzitalioti.

Ma un povero cristiano, che senza troppe pretese voglia votare un partito che porti avanti la difesa dei principi cristiani, dei principi irrinunciabili ormai poco di moda, a chi si deve rivolgere? Alla Lega che ha scaricato con immediatezza e senza ripensamenti il candidato sindaco di Pontedera, il collega Brini, reo di aver affermato nella conferenza stampa di presentazione della lista, di non avere gay in famiglia (è forse un reato?). Oppure a Fratelli d’Italia, che appoggia il finanziamento a Radio Radicale (vedi le dichiarazioni della deputata di FdI Paola Frassinetti dell’altro giorno).

Senza voler fare dietrologie e processi anticipati, la discesa in campo della figlia di Verdini, a fianco di Matteo nazionale, mi preoccupa e non poco, soprattutto alla luce dell’influenza nefasta che altre donne (qualcuno ha detto Tulliani o Pascale?) nel recente passato hanno avuto sui politici che – maledetta ingenuità – avevamo creduto, sia pur per un attimo, portatori sani di sani valori.

Certo è indubitabile il sostegno alla famiglia naturale di Lega e FdI, come ampiamente dimostrato dal supporto al Congresso delle Famiglie di Verona di questi giorni, però suonano veramente sinistre le parole di Salvini e di altri rappresentanti della Lega di non voler rimettere in discussione i c.d. diritti civili. Insomma, indietro non si torna…

Caro Pucci non so veramente che pensare, perché la sfiducia è grande…

Ascanio»

 

Anch’io, in questo momento di “apostasia della Chiesa e della società”, sono molto sfiduciato. Per chi voteremo alle prossime elezioni amministrative ed europee noi che ci rifacciamo alla Tradizione cattolica e, con noi, quel folto “esercito tradizionalista” nauseato dall’andazzo di questa società che ha perso “il Ben dell’Intelletto” (Dio) e di questi uomini della Chiesa che hanno perso la Fede e la dignità?

Come giustamente scrive Ascanio ci rivolgiamo essenzialmente ai due partiti che più ci sono vicini: la Lega e Fratelli d’Italia, escludendo le sinistre e, con le sinistre, anche Forza Italia che è divenuto un partito laicista e per di più «garante dell’Europa»  – come ebbero ad assicurare il satrapo di Arcore e il suo “delfino” Tajani – e dove le “donnine” fanno a gara a fare professione di femminismo per non essere seconde alle colleghe della sinistra. Del resto FI era divenuta la “ruota di scorta” di Renzi con il Patto del Nazareno e milioni di elettori (anche noi abbiamo, una volta, votato per FI) venduti da Verdini, – il personaggio più inquietante della storia della repubblica italiota a cui presto dovrebbero aprirsi le porte delle patrie galere – alla sinistra mondialista e massonica.

Inutile parlare della Chiesa che vive un periodo disastroso di “autodemolizione” e che ha rinnegato i «principi non negoziabili» come quello del «diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale» e dove una potentissima Loggia gay, in combutta con i tentacoli della Massoneria, ha trasformato la «Sposa Immacolata del Cristo» in una sorta di Frateria immigrazionista (dietro alle ONG, alla Caritas e alle varie Onlus e Cooperative si nascondono grandi interessai, in quanto, come ascoltammo nelle intercettazioni di «Mafia capitale», «rendono assai più gli immigrati che la droga»; e stendiamo un velo pietoso sugli scandali omosessuali (ora si cerca di fare un “libera tutti” sull’omosessualità) denunziati clamorosamente e meritoriamente da Mons. Carlo Maria Viganò, costretto a nascondersi all’estero… e le ultime, incredibili, “scomparse” di personaggi che contestavano la linea “bergogliana” fanno capire il perché…

Nelle scelte politiche del governo (disastroso) di Renzi – Verdini – FI – PD abbiamo visto personaggi della Chiesa in spudorata combutta con il radicalume: Bergoglio ha indicato la Bonino e Pannella come “grandi personaggi italiani” e «Repubblica», il giornale Mondialista massonico dei “Poteri forti” ha ospitato le “confessioni” bergogliane, mentre, addirittura, mons. Galantino, dopo aver boicottato il family day, ha incontrato la baccante Cirinnà per concordare insieme i matrimoni sodomitici…

Questa, a gran linee, la situazione…

Forse tutti noi abbiamo dimenticato l’invasione islamica dell’Italia e gli sbarchi giornalieri di migliaia di clandestini sulle coste italiane. E abbiamo, forse, dimenticato – io però ricordo benissimo – i discorsi dei cattocomunisti e dell’italico sinistrume: «sono migrazioni bibliche», «nessuno potrebbe riuscire a fermare questi flussi», «si illude chi pensa che si possano chiudere i porti»… e tutti erano certi che Salvini non sarebbe riuscito a fermare l’invasione dell’Italia.

E invece c’è riuscito… e c’è riuscito nonostante la canea urlante del sinistrume nostrano, nonostante la stampa faziosa, nonostante i telepredicatori (Fazio, Gruber, Formigli… etc), nonostante i proclami del Vaticano che, insieme ai fedeli e alla dignità, sembra aver ormai perso anche la “scommessa” di “non poter fermare l’immigrazionismo”… con tutti i proventi che si porta dietro.

Ci dicono in continuazione che, in Italia – dove non c’è certezza della pena e i delinquenti, anche se arrestati, vengono subito messi fuori – sono diminuiti i furti e le rapine… e invece sono in aumento esponenziale e la gente non li denunzia più per non perder tempo.

Salvini è riuscito a far passare una legge che ammette la legittima difesa: fino ad ora chi osava ribellarsi veniva incarcerato e persegui(ta)to per «eccesso di legittima difesa»…

Infine – e questo per me, e penso anche per te, caro Ascanio, è stato entusiasmante – abbiamo visto un Salvini di fronte a una gerarchia ecclesiastica di vigliacchi e di calabrache, di fronte ai  cattolici “fuchi”, di fronte ai cattocomunisti, brandire – come i cavalieri antichi – il Vangelo e la Corona come a volerci dire: forza, difendiamo insieme, quei valori disprezzati e calpestati dal progressismo pseudocattolico. E ci ha fatto ritrovare il gusto della battaglia e l’orgoglio di essere cattolici e di difendere la Tradizione di fronte alle truppe radicalcattocomuniste gettate nel panico.

Penso che lo stesso si possa dire anche della Meloni e di FdI.

Ora però, di fronte a questi ultimi episodi denunziati da Ascanio Ruschi – gravissimo quello accaduto all’Avvocato Brini di Pontedera, una persona universalmente stimata, esclusa dalla lista, con atto degno della più squallida e sudicia lobby sodomitica, in quanto aveva dichiarato di «non avere gay in famiglia» (forse per l’Onorevole leghista Zello, che fa rima con Budello, non avere un gay in famiglia è disdicevole!) – bisognerà farci sopra un “pensierino”.

Ci vorrebbero persone come l’Avvocato Brini… ma succede sempre che i mediocri, coloro che hanno qualche scheletro da nascondere (ad esempio l’iscrizione a una Loggia… massonica o a una lobby… sodomitica) manovrino il “vapore” verso i loro sinistri lidi.

Io, caro Ascanio, voterò Lega – anche se ho rifiutato nel mio paese la candidatura che, generosamente, mi era stata offerta nella Lega, pur sapendo che sarei riuscito a passare facilmente, proprio per avere le mani libere – per tentare di cambiare le nostre disastrose amministrazioni di sinistra e, soprattutto, per cambiare questa Europa asservita al Mondialismo massonico.

Penso che dovremmo batterci per questo.

Ma dovremmo batterci intelligentemente facendo passare quelle persone che diano garanzie di onestà, moralità e coerenza – usiamo le preferenze che il duo Berlusconi – Verdini non riuscì a togliere definitivamente – e che abbiano a cuore i valori riassunti nel motto «Dio – Patria – Famiglia», come hanno dimostrato quel manipolo di ministri e deputati, leghisti e non, che si sono recati a Verona al Congresso delle Famiglie (quelle vere formate da una mamma e un papà) pur con qualche cedimento – come ha fatto Salvini – al politically correct…

Ben più grave il voto favorevole di Fratelli d’Italia al finanziamento di Radio Radicale (non dubitate ci ricorderemo dell’On. Frassinetti e di FdI… al momento del voto!)

Diamoci da fare. Penso che stavolta prenderemo molte città e riusciremo anche a cambiare l’Europa…

E andiamo prima, caro Ascanio, personalmente, a Pontedera, a stringere la mano all’Avvocato Brini, a congratularci con lui per ciò che ha affermato e a invitarlo, per sabato 18 maggio, a Roma, alla Marcia per la Vita.

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Stampa
Condividi su email
Email

3 commenti su “Cosa votare alle prossime elezioni europee ed amministrative?”

  1. E’ “NECESSARIO” votare Lega.
    Anche Fratelli d’Italia è un buon partito, ma votare loro significherebbe buttare via i voti.
    E bisogna tenere SEMPRE presente, in ogni situazione della vita sia privata che pubblica, che il bene perfetto non esiste su questa terra.
    Cordiali saluti.
    Paola

  2. Mi sembra strano che il partito della Meloni sia favorevole al finanziamento pubblico di radio radicale… che ci siano infiltrati nel partito come in altre realtà purtroppo lo si sa… è la tecnica della massoneria e dei satanisti. Quanto sarebbe bello vedere la Meloni e Salvini insieme alle elezioni europee che si svolgeranno tra un mese! Concordo pienamente con il commento della Sig.ra Paola ed anch’io sono del Suo parere: il bene perfetto esiste solo se Cristo regna pienamente nella vita delle persone perché senza il Suo santo aiuto l’uomo è poca cosa (non per il fatto che sia una creatura di poco valore ma perché a causa del peccato originale il diavolo ha affievolito l’animo umano e di conseguenza senza la grazia di Cristo l’essere umano non può essere militante per la Verità con gli attributi… lo dimostrano i santi e i primi Cristiani verso i quali nutro molta ammirazione per il coraggio e la coerenza).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su