Il giro della settimana (29 dicembre)

Home » Il giro della settimana (29 dicembre)

 

Il regalo di Natale di Virginia Raggi alla città di Roma

Enrico Cicchetti

“Roma rischia di diventare una discarica”, ha scritto il New York Times che dà l’allarme sulle condizioni degradate della Capitale italiana in un reportage del corrispondente Jason Horowitz. E in effetti a Roma i cassonetti vomitano già montagne di immondizia. Visto il particolare periodo dell’anno, in cui di norma la produzione di spazzatura raggiunge il picco, tra maggiori consumi e afflusso di turisti, si prevede una nuova “emergenza monnezza”, come quella che avvenne fra Natale e Capodanno 2017. – continua a leggere

——————————————————————-

«L’avvenire della Chiesa e delle vocazioni si trova nelle famiglie dove i genitori hanno piantato la croce di Nostro Signore»

La Porte Latine

Don Davide Pagliarani, Superiore Generale della Fraternità San Pio X, ha accordato un’intervista esclusiva a La Porte Latine, dove ricorda la fecondità della Croce per le vocazioni e le famiglie. Insiste particolarmente sulla necessità di mantenere l’autentico spirito del Fondatore, Mons. Marcel Lefebvre, «spirito di amore per la fede e per la verità, per le anime, per la Chiesa», di fronte alla recente canonizzazione di Paolo VI e alla promozione della sinodalità della Chiesa.  continua a leggere

———————————————————————–

Martiri e violatori del sigillo della confessione

Roberto de Mattei

L’inviolabilità del segreto confessionale è uno dei pilastri della morale cattolica. Il nuovo Catechismo della Chiesa cattolica ricorda che «ogni sacerdote che ascolta le confessioni è obbligato, sotto pene molto severe, a mantenere un segreto assoluto riguardo ai peccati che i suoi penitenti gli hanno confessato. Non gli è lecito parlare neppure di quanto viene a conoscere, attraverso la confessione, della vita dei penitenti. Questo segreto, che non ammette eccezioni, si chiama “sigillo sacramentale”, poiché ciò che il penitente ha manifestato al sacerdote rimane “sigillato” dal sacramento» (n. 1467). – continua a leggere

—————————————————————–

 

In via di costituzione un fondo mondiale per l’aborto

Mauro Faverzani

Il presidente americano Donald Trump ha azzerato i finanziamenti Usa, ma in soccorso della multinazionale dell’aborto Planned Parenthood è subito accorsa l’Australia, che le ha garantito 9,5 milioni di dollari, accogliendo la richiesta pervenuta appositamente in merito dal partito laburista. Tali fondi vengono destinati al programma Sprint, programma destinato ad assicurare interventi «di salute riproduttiva nelle situazioni di crisi e post-crisi della regione indo-pacifica». continua a leggere

———————————————————————

L’Europa ha sborsato 20 miliardi per i test massacranti alle banche

Andrea Muratore

Il tema della vigilanza bancaria è fondamentale per determinare gli equilibri economici all’interno dell’Unione europea. Ogni anno, gli “stress test” a cui vengono sottoposte le banche dell’Eurozona rappresentano una tappa fondamentale, temuta da ogni istituto visto il rischio che la vigilanza comunitaria, oggi guidata da Danièle Nouy, opti per la richiesta di misure di aggiustamento strutturale dei bilanci delle banche. – continua a leggere

——————————————————————

Le Ong ora sfidano la Merkel: “Berlino cerchi un porto sicuro”

Luca Romano

Sea Watch è ancora in mare con 32 migranti a bordo. La nave della ong adesso, dopo il “no” allo sbarco dichiarato da Italia, Malta, Spagna, Grecia e Tunisia, torna a “fare rotta” sulla Germania.  L’ong tedesca di fatto adesso torna a chiedere il sostegno di Berlino come fatto già nei giorni scorsi. E al suo appello si unisce quello di un’altra imbaracazioen umanitaria tedesca come la Sea Eye che ha soccorso altre 17 persone. “E’ ora che il governo tedesco si faccia avanti e dia prova di responsabilità: due navi hanno bisogno di un porto sicuro. Adesso”, hanno fatto sapere gli equipaggi delle due ong. continua a leggere

————————————————

Nuovo romanzo di Houellebecq contro i responsabili del “declino dell’occidente”

Imola Oggi

Nell’ultimo romanzo di Michel Houellebecq , “Serotonine”, in uscita in Francia il 4 gennaio, c’è anche la prefigurazione della rivolta dei gilet gialli. Florent-Claude Labrouste, il protagonista – depresso – di “Serotonina” è un ingegnere in crisi che torna alle sue radici in una Francia rurale profondamente colpita dalla globalizzazione e della politiche agrarie dell’Unione Europea. In campagna Labrouste si imbatte in una popolazione rurale risentita e in collera. continua a leggere

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Stampa
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su