1793-1794: guerra con la Francia rivoluzionaria per la Savoia e Nizza
1796: (aprile-maggio): guerra tra Francia rivoluzionaria e Piemonte (campagna napoleonica d’Italia)

 

Raccolta di poesie diverse vol. IV (mss. Coll. XXX)

[nota Armando: fatto 1793 o poco dopo], p. 498

Un Piemontèis a nòm ’d soa nassion

Sonèt

Coj ch’han sostnù ch’ij drit ’d sovranità

A son vnù dal pì fòrt, a l’han dit mal:

Cede a la fòrsa <l>’é n’at ’d necessità,

Ubidì ai Sovran a l’é ’n dover moral.

 

Sensa gnun paragon l’han mej pensà

Coj ch’ant Un sol për via ’d contrat social

Dij prim pare ’d famija han trasportà

Ògni legìtim drit e natural.

 

Ma a l’é da crëdde ch’as sia elet col Un,

Ch’a regnèissa sij cheur fasendse amé,

E a fuss Sovran, ma ’dcò Pare[1] comun.

 

Ò gran Vitòrio, col bon Re i sé Voi;

E se ’l famos contrat a fuss da fé,

J’avrìe ’l mond antregh sùdit com noi.

 

Testimonianza, probabilmente – vista la lingua usata, ricca di italianismi letterari – di ambito aristocratico o, al massimo, alto-borghese, di come i sudditi piemontesi, al di là di qualche ingenua esagerazione presente nella parte conclusiva del sonetto, fossero leali ed affezionati al loro Sovrano, a tal punto che, tranne alcuni esempi di giacobini rivoluzionari (in genere appartenenti alla borghesia, raramente alla nobiltà o al popolo), la maggior parte di essi combatté eroicamente (cfr. supra, la testimonianza del d’Azeglio, a nota 1) in difesa della loro patria e del loro Sovrano contro la Francia rivoluzionaria e le repubbliche giacobine italiane sue alleate[2].

Traduzione

Un Piemontese a nome della sua nazione[3]-Sonetto

Coloro che hanno sostenuto che i diritti di sovranità/ Sono derivati dal più forte, hanno detto male:/ Cedere alla forza è un atto di necessità,/ Ubbidire ai Sovrani è un dovere morale.// Senza alcun paragone hanno pensato meglio/ Coloro che in Uno solo per via di contratto sociale/ Degli antichi padri di famiglia hanno trasportato/ Ogni diritto legittimo e naturale.// Ma è da credersi che sia eletto quell’Uno,/ Che regnasse sui cuori facendosi amare,/ E fosse Sovrano, ma anche Padre comune.// O gran Vittorio [probabilmente Vittorio Amedeo III], quel buon Re siete Voi;/ E se il famoso contratto fosse da fare,/ Avreste il mondo intero suddito come noi.

 

Rime anonime di Carignano (1797)

Pubblicate da A. Malerba in “Atti del V Congresso internazionale di studi sulla lingua e la letteratura piemontese” (Alba maggio 1988), pp. 103-119, Alba 1989

Sonèt

Ò Genii tutelar, ò Voi ch’i ven-e

Dël nòstr Busca ’l mérit a premié,

Voi, ch’la glòria ’d Piemont Real manten-e

A difèisa dël Stat, e dl’òtim Re.

Or ch’l’alegrëssa an mes a noi i men-e

Con vòstr aspet, e con l’onor ch’in fé,

Sufrì una Musa, ch’a l’é nen dl’amen-e,

Ch’ant sò rùstich giargon peussa parlé:

Ansi i deve sufrì, ch’a parla franca,

Përchè as intend lodé la Patria, e Busca,

Busca, ch’gnun ’d Carignan ’d lodé së stanca,

Ma, s’un tal dì, forsi ij sò vant a ofusca,

Për nòbil man sio scrit su pera bianca

In términ pròpri ’d rigorosa crusca.

 

 

Canson

Voi dla mia cara Patria[4]

Brav difensor i canto,

Ch’j’avì savù d’incanto

Sedé l’insuression,

A voi ’d coron-e cìviche

Da vérgin man s’intrecio,

E ij Sitadin së specio

Ant vòstre bele assion.

 

Tranquilità pacìfica

Sël rive ’d Pò a respira

Cessà ’l furor, e l’ira,

Vint ij Nemis intern,

La ribel Furia perfida,

Ch’j’ànim a përvërtìa,

Da noi l’é scapà via

Tornand neca a l’infern[5].

 

[…1 strofa]

 

Contra la Bestia indòmita[6]

’D nòstre sostanse angorda,

Ch’a minaciava lorda

La vita ai Sitadin,

J’avì con ment polìtica

Savù la rusa opon-e

Uniend fedej përson-e

A sostenì ’l comun bin,

 

Le quaj sot ai vòstr’órdini

L’han dàit preuve stupende

D’impegn ant ’l difende

Soa aflita Carignan:

Bel vëdje con prontìssima

Union verament furba

Mësc-esse fra la turba

Dij Rivoltos vilan[7]

 

Pr’andeje frenand l’ìmpeto

Ch’a ecess a-j trasportava,

E ’d chi pì a minaciava

Calmé ’l furor bacant

In meud, ch’l’astuta càbala

L’é ’d pianta dissipasse;

Né ’d sangh a l’é vërsasse

Tra ij bon, e tra ij birbant[8].

 

[3 strofe]

 

Assicurà la Bestia,

Le còse a cambio facia,

Pì gnun balòss[9] minacia,

E ’l Pòpol[10] bon a rij,

Intant pronta Giustissia,

Pr’estingue sì gran fiama

Dal Pòpol bon as ciama…

Ecco bandà ij fusij.

 

[1 strofa]

 

Dov son-ne coj, ch’a mérito

Dla Patria j’elògi?

Ah! ’l gust j’heu pur cost’ògi

’D mireje sì assamblà!

Sì tra ij coscrit Setémviri

J’é l’amantìssim Pare[11],

Ch’a l’ha dàit marche rare

D’amor për la Sità,

 

Mentre doi fieuj a dédica

Pront al comun servissi,

E fand sì bon ufissi

Da esempi ai Patriòt,

E ij Patriòt as ànimo

D’unissje in ferme squadre,

Mostrand ch’ant l’òtim Pare

Amo ij doi fieuj giovnòt.

 

[2 strofe]

 

E ’l fìsich Fieul d’Ipòcrate,

Ch’amante dël bon órdin

Savìa an mes al disórdin

Dé bon sugeriment,

Meynard con vos balsàmica

Médica le facende,

E a la rason fà arende

La mal intèisa gent[12].

 

[1 strofa]

 

Ma dova mai col’ànima

Dël Cont Nomaj, dov é-la?

Col’ànima sì bela,

Ch’as vòta al pùblich ben[13]?

E ch’sò ripòs sacrìfica

Për fé ch’la calma persa

Torna, e ch’sudor a versa

Fin tan ch’la calma a ven?

 

[1 strofa]

 

S’a la ciurmaja, ch’mórmora,

Sussurra, e fà tapage[14]

Chiel parla, ’l fier linguage

La ciurma, anlor depon;

Se ’d ritiresse a-j ìntima,

S’artira la canaja,

Pì gnun a j’é ch’a braja

’D soa grata vos al son.

 

Voi, ch’Nobiltà in superbia,

E in tìtol fé consiste,

In ocasion sì triste,

Parlé ampò al Popolass?

Ah! ’l Popolass ch’av òdia,

Còsa a savrìa rispondve

Da avilive, e confondive,

Da feve tenì j’euj bass[15].

 

[…]

 

Si tratta di due testi anonimi[16] presenti nella raccolta di Rime carignanesi[17] per celebrare la sconfitta della rivolta giacobina del 1797, entrambe di chiara origine dotta, visto l’ampio uso di italianismi e di termini squisitamente letterari, inseriti in un contesto piemontese poiché l’autore vuole rivolgersi alla gente comune, usa a parlare in piemontese e non in italiano: sono loro i veri destinatari, perché sono loro, contadini e piccolo borghesi che, unitisi ai nobili, hanno sconfitto la rivolta che, più che “popolare”, può essere tranquillamente definita “giacobino-borghese”[18]. Le poesie piemontesi vennero recitate al pranzo offerto dalla Guardia Civica della Città il 7 agosto (l’insurrezione era avvenuta tra il 21 e il 24 luglio) 1797, alla presenza anche di due illustri ufficiali di cavalleria (il marchese d’Albaretto e il conte Richelmy, rispettivamente colonnello e maggiore del reggimento Piemonte Reale).

Il sonetto loda la persona di Busca, comandante Maresciallo d’Alloggio del distaccamento di Piemonte Reale Cavalleria a Carignano, comandante della città, che domò la rivolta.

La canzone, in strofe di 8 versi, narra, con tono enfatico ed altisonante, la vicenda della rivolta. Abbiamo omesso le strofe che, troppo retoricamente costruite, poco (o nulla) riescono ad interessare il lettore moderno (ancorché piemontese), limitandoci a riportare quei passi che offrano un qualche interesse sia linguistico che di analisi politico-civile. Di questi non diamo tuttavia la traduzione per non tediare i lettori, ma ci limitiamo ad enucleare ed a chiosare alcuni termini che ci sono sembrati particolarmente significativi.

 

 

[1] Testimonianza del sentimento diffuso tra i sudditi di fedeltà al sovrano, visto quasi come un padre (cfr. v. 11):  può essere l’opera del sacerdote canavesano Francesco Tarizzo, attivo a Torino agli inizi del sec. XVIII, L’Arpa discordata, in cui si narra in poesia l’assedio di Torino del 1706: in essa la figura del Duca Vittorio Amedeo II viene paragonata ad un buon amministratore di cascina (lo Stato), cfr. vv. 208sgg. (Una pòvra cassin-a/ Governà da un bon masoé/ Che sà a maravìa ël sò mësté; “Una povera cascina/ Gestita da un buon fattore/ Che sa a meraviglia il suo mestiere”); e si ricorda come tutta la Casa Reale venisse elogiata a gran voce dalla gente comune, cfr. vv. 293sg. (E fra tant ’s amirava lo spìrit ugual/ De tuta la Ca Real; “E frattanto si ammirava lo spirito eguale/ Di tutta la Casa Reale”). Altra testimonianza di questo “spirito” del popolo, anche quello non di fede cattolica, verso il proprio Re ci è data dalla canzone popolare (in francese) intitolata Chanson de l’Assiette, relativa alla battaglia dell’Assietta contro i Francesi (luglio 1747, durante la guerra di successione austriaca), attribuita al cantore valdese David Michelin-Salomon di Bobbio Pellice.

[2] Si può, a tale proposito, ricordare ciò che dice Renzo Gandolfo in Conoscenza – e coscienza – attuale del passato piemontese, in «Studi piemontesi», fasc. 2, vol. XIII, 1984, pp. 279-294 (la citazione è da p. 285):«Un re, un popolo, una comunità “ben fazionata a governo” per dirla col Botta; dove i ruoli sono definiti e noti e le relative funzioni si attuano nel concerto del “servizio”. Quel servizio che subordina e coordina l’operare del singolo con la finalità comunitaria cui il servizio serve: così che chi governa possa governare, verbo che nella parlata piemontese diventa usuale regola di vita; e lo usa il contadino per “goerné soe bestie”; il proprietario terriero per “goerné soa cassin-a”, la donna di casa per “goernela” nelle pareti domestiche, il singolo, in ogni situazione, per “goernesse”, per vivere regolato: senza cedere agli impulsi irrazionali: e per contemperare il côté fantastico, estroso ed irrazionale dell’anima individuale subalpina con il côté geometrico e razionale al quale l’anima sociale si subordina in obbedienza. Una società dove c’è chi comanda e chi obbedisce, non per tirannia di despota ma per convinzione dell’ utilità del servizio, singolo e collettivo; e lo stato ha l’orgoglio e la gelosia della sua funzione, e i cittadini sono consci di doveri e di diritti». Esempio di intellettuale che incarnò in pieno una tale figura fu lo scrittore e scultore Edoardo Calandra (Torino, 1842-1911).

[3] Troppo lungo sarebbe, qui ed ora, ripercorrere il valore del termine “nazione” nel lessico politico medievale e poi della prima età moderna. Basti ricordare che lo stato sabaudo prevedeva almeno tre Nazioni: Piemontese, Savoiarda e Nizzarda. Per l’inquadramento generale del problema cfr. la conferenza tenuta dal prof. G. Turco a Subiaco, il 30 luglio 2017, dal titolo Patria, nazione, Stato, nell’ambito dei lavori dell’Università d’estate organizzata dalla benemerita Fondazione Lepanto di Roma.

[4] Patria/Patriòt (passim). Questi termini, apparentemente innocui, fanno ipotizzare dietro di sé, specialmente se pensiamo alla loro evoluzione immediatamente successiva, uno schema di pensiero particolarmente interessante. Patria, e soprattutto Patriòt, in questo caso e negli altri componimenti di sponda legittimista, indica la volontà di difendere ed appoggiare le ragioni del Re (che rappresenta appunto – e lo abbiamo già visto – la Patria); e Patriòt è ovviamente colui che tali ragioni difende. Nei componimenti “giacobini” invece il termine Patriòt (e ovviamente anche Patria) indica il “rivoluzionario”, colui che difende non la Patria-Re, ma la Patria-Territorio, costituito in stato rivoluzionario dall’insieme dei “citoyens”. È solo un esempio, ma molto chiaro, di come il lessico rivoluzionario si impadronisca di un termine (e quindi di un concetto) dell’ancien régime legittimo e lo stravolga a suo uso e consumo. Per esempio possiamo pensare, nel caso degli stati un tempo sovietico-rivoluzionari, al valore, e all’uso, del termine “democratico”.

[5] Il lessico di tutta la strofa è enfatico: il furor e l’ira (due italianismi) dei nemici interni sono stati vinti, fuggita è la ribel Furia perfida (altri italianismi) che stravolgeva (përvërtìa) gli animi e se ne è tornata all’inferno neca (finalmente un termine piemontese ancestrale), cioè “mogia”, ma ci rivela tutta l’angoscia, e poi il sollievo, per la situazione che si era venuta a creare ma che poi si era risolta.

[6] Immagine spaventosa dei rivoltosi, visti come Bestia indòmita, avida (angorda) non solo dei beni dei cittadini, ma anche della loro vita; tuttavia – anche in questo caso – prevale la ragione (ment polìtica) e l’ordine morale degli onesti (quasi i boni cives ciceroniani) che, unendosi tra le persone per bene (fedej përson-e), sono riusciti ad opporsi alla rivolta (rusa, letteralmente “astuzia”), sostenendo così (ricordiamo di nuovo l’Arpa discordata del 1706) il “bene comune”.

[7] A parte l’italianismo (rivoltos) appare chiaro lo sdegno e l’insofferenza nei confronti dei ribelli, definiti tout courtvilan”, in senso non solo culturale, ma anche morale (cfr. il francese vilain).

[8] Nei versi di questa strofa si nota chiaramente il contrasto tra equilibrio (dei lealisti) e follia (dei rivoltosi). I secondi, mossi dall’impeto, minacciavano, spinti dal desiderio di truffa (astuta càbala); di contro i primi ne hanno frenato l’impeto e calmato la furia orgiastica (furor bacant, da cui trapela l’autore dotto), di modo che è solo grazie ai loro buoni uffici ed al loro buonsenso se non si è versato sangue, né tra le persone perbene (ij bon) né tra i rivoltosi (ij birbant).

[9] Termine tipicamente ancestrale, col valore di “canaglia” (attenuato, rivolgendosi, per es., ad un bambino: “birichino”); ciò che è ancora da segnalare è che, nell’uso comune, è utilizzato in particolare per le bestie (col valore di “vagabondo”).

[10] Colui che “fa giustizia”, che agisce contro i rivoltosi è il “popolo”, cioè la gente perbene che sta dalla parte della legge e dell’ordine. Anche in questo caso pensiamo allo stravolgimento che le ultime – in ordine di tempo – rivoluzioni (ma comunque tutte le rivoluzioni…) fanno dei termini “popolo, popolare”.

[11] Anche qui il Re è innanzitutto Pare (Padre) per il proprio popolo (cfr anche infra, v. 103).

[12] I rivoltosi sono definiti come “gente mal intenzionata” e, più sotto (vv. 153 e 158), come ciurmaja e canaja, due italianismi con valore ben chiaro e netto.

[13] L’ordine costituito è definito come “bene pubblico”.

[14] La “ciurmaglia” di v. 153 è solamente capace a fare tapage, cioè “chiasso”, ma un chiasso che è, per di più, fatto in modo disordinato e sregolato.

[15] In questa strofa troviamo un elemento nuovo: non tutti i nobili sarebbero però capaci di sedare una rivolta come hanno fatto quelli che (come in particolare il conte Albertino Mola di Nomaglio, citato in precedenza, sindaco e poi settemviro di Carignano) ci sono riusciti soprattutto perché hanno saputo parlare ai rivoltosi. Alcuni nobili, purtroppo, credono che la nobiltà si esprima attraverso la superbia e i vuoti titoli, ma non saprebbero toccare l’animo del popolass (che non è, ça va sans dire, il pòpol: l’uno negativo, quest’ultimo positivo), che in questo caso avrebbe forse ragione a rispondere a questi cotali nobili in modo tale da avilive e confondive/ Da feve tenì j’euj bass (“da avvilirvi e confondervi/ Da farvi tenere gli occhi bassi”).

[16] In effetti l’opuscolo poetico non reca il nome dell’autore, ma Gustavo Buratti ipotizza che tali testi siano opera di Giuseppe Cantù. Cfr. Tilèt e canson ant nòsta lenga al temp ëd la nassion piemontèisa e dj’Àustro-russi, in “Atti del XIII Congresso internazionale di studi sulla lingua e la letteratura piemontese”, Quincinetto maggio 1996, pp. 309-340, Ivrea 1998 (specificamente p. 316). Per il Cantù cfr. anche supra, a nota 4.

[17] Carignano è un comune, attualmente in provincia di Torino, che si trova sulla riva sinistra del Po, a sud del capoluogo, da cui dista una ventina di chilometri.

[18] Una situazione consimile la possiamo trovare nel romanzo La bufera di Edoardo Calandra (cfr. supra a nota 8), in cui le figure dei rivoluzionari sono rappresentate in genere da borghesi, mentre nobili e contadini sono normalmente fedeli al Re.

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Stampa
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *